Thursday, March 29, 2012

COLLECT YOUR CRUMBS!

- I UNDERSTAND WHAT YOU SAY I DO NOT UNDERSTAND WHAT IT MEANS!

THIS WAS THE DEBUT OF OUR FUN PERFORMANCE. LET ME TELL YOU: VITO IS AS FUN AS A THEATHRE ACTOR! PHOTOS ARE WITNESS OF OUR LAUGHS!






DENISE AND VITO HAVE FOUR SONS: CONGRATULATIONS GUYS!!! ....JUST I WONDER.... DO YOU EVER REST , DENISE?

MOTHERLY, SHE WANTED TO LEARN PIZZA FOR HER KIDS:



Ingredients for 4:
500 gr ( 1,1  Pd) sifted flour ( better if you have a mixture of a “light flour” and a “stronger flour”, respectively  like the Italian 00 and 0. These two flour can be replaced with “Un-bleached bread flour and Manitoba flour).
1/4 tbs salt
25 gr ( 2/3 Oz) fresh brewer yeast
250 ml ( 1 cup) warm water
1 pinch of sugar
2 tbs Extra Virgin Olive Oil + 3 tbs extra for dressing
1 bufalo mozzarella
500 gr ( 1 Pd) canned tomatoes, pureed
4 – 6 basil leaves
salt to taste

Put the flour in a large bowl.
Crush and dissolve the fresh yeast in about half glass of lukewarm water with a pinch of sugar to activate the yeast. When it begins to froth pour in 2 tbs of olive oil and  the rest of the water gradually, kneading by hand. Work for 10 – 15 minutes until the dough is smooth and elastic. Cover the dough with a cloth and let to rise in a warm place for 1 – 2 hours until it doubles the size.
Punch the dough sown and work it a little more, divide it into 4 balls. Roll each ball on a slightly floured surface. Leave to rise a second time.
Knead the dough again adding the salt.
Roll and spread the dough balls in well oiled baking pans. Let it rise again.
Spread the tomatoes on top, along with diced mozzarella and basil leaves. Finish with a dash of salt and a drizzle of olive oil.
Bake in a preheated oven at high temperature – 200° C – 400 f -, until the crust is coloured.


Wednesday, March 28, 2012

SEVEN YEARS OF MARRIAGE....


... AND HE STILL  DESIGNS RED HEARTS WITH THE STRAWBERRY SAUCE ON THE DISH. WHO SAID THAT THE SEVENTH ONE IS THE YEAR OF THE CRISIS? LOOK AT PATRICIA AND LEONARDO!


AND THIS BELOW IS THE HEART HE DREW FOR HER:



BESIDED BUTCHERING MEAT......


PEALING GARLIC.....






......THEY MADE ALSO A DELICIOUS SALAD:

MARK & TRACY SALAD





Ingredients :
1 plant of lettuce “Iceberg”
1 white fennel bulb
2 pears William’s
30 gr pine nuts, slightly toasted
150 gr Pecorino, semi-stagionato (30 days old)

For the dressing:
60 gr good extra virgin olive oil
2 tbs good Aceto Balsamico
½ tbs honey
½ tbs mustard
salt and pepper

Wash the lettuce and cut it in pieces.
Wash the fennel bulb and slice it.
Wash the pears (leave the peel), cut them first in quarters then in slices, perpendicularly.
Mix all the ingredients in a bowl with the pine nuts.

Prepare the dressing, emulsioning them together with a whisk.
Dress the salad just before serving.
Place flakes or thin slices of cheese on top.

Note: When it is season, you can make this salad richer with fresh tender sweet fava beans.



Tuesday, March 27, 2012

WELCOME BACK, HARDING UNIVERSITY STUDENTS!

THEY HAD FUN, FOR SURE!


THEY MADE ALSO:


INVOLTINI DI PETTO DI POLLO ALLA FIORENTINA CON SPINACI
CHICKEN BREAST ROLLS FLORENTINE STYLE WITH SPINACH



Ingredients for 6:

2 chicken breasts
150 gr ( 5 Oz) cooked spinach
30 gr (1 Oz) pine nuts
30  gr (1 Oz) grated Grana Padano cheese
50 gr ( 1 + ½ Oz) Extra Virgin Olive Oil
1 garlic clove
1 bay leaf
80 ml (2/3 cup) dry white wine
1 lemon juice
salt and pepper

Divide both breasts by two along the central bone. Clean them, taking off the little breast bone; first separate the two muscles that compose the breast though the layer of connective tissue; then slice them horizontally, doing a “spiral cut” and obtaining  large “scaloppines”. Beat them slightly with a meat tenderiser.
Chop the spinach, add the pine nuts and the grated cheese.
Place the filling on each scaloppini and roll them, fixing with a toothpick..
In a sauce pan warm up the olive oil with the garlic and the bay leaf. Add the chicken “pockets” and brown them all around. Then season with salt and pepper. Wet with the wine and let it to evaporate. Add the lemon juice, cover the pan and let cook completely.



Monday, March 26, 2012

NUOVO CORSO SULLE PASTE LIEVITATE

SABATO 21 APRILE  PRENDE AVVIO IL CORSO SULLE PASTE LIEVITATE TENUTO DA GIOVANNI STECCA.
IL CORSO TERMINA IL GIORNO SUCCESSIVO, DOMENICA 22 APRILE.



QUESTO E’ IL PROGRAMMA DELLE LEZIONI:

ARGOMENTI TEORICI
-ANALISI DEGLI INGREDIENTI (FARINE DI FORZA, ZUCCHERI, GRASSI, LIEVITO ED INGREDIENTI COMPLEMENTARI)
-IMPASTO DIRETTO ED INDIRETTO
-BIGA E POOLISH
-AROMATIZZAZIONE
-ORDINE DI INSERIMENTO DEGLI INGREDIENTI NELL’IMPASTO
-SFOGLIATURA
-FORMATURE E TECNICA DI INTRECCIO BRIOCHE
-FORMATURE DEI PICCOLI PEZZI: CROISSANT, VENEZIANE, SACCOTTINI ETC...

RICETTE DA REALIZZARE
-PASTA BRIOCHE
-SAVARIN
-CORNETTO ITALIANO (DOLCE)
-CROISSANT FRANCESE (SALATO)
IL COSTO DEL CORSO COMPLETO È 100 EURO. IL NUMERO MASSIMO PREVISTO È DI 8 PARTECIPANTI.PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:
INFO@GIGLIOCOOKING.COM  TEL 055 614 5 914  - CELL 348 511 55 25
LAVETRINADELNANNI@VIRGILIO.IT  TEL 338 33 11 960

HTTP://LAVETRINADELNANNI.BLOGSPOT.IT/SEARCH/LABEL/LIEVITATI



NON MANCATE!!! E' UN CORSO DI GRANDE TECNICA E.. DIVERTIMENTO!

IL NUOVO BAR MONTI!

GRAZIE A MAURA, CHE HA SCATTATO QUESTE FOTO, LE HA ELABORATE E GENTILMENTE ME LE HA REGALATE. SONO STATE FATTE DURANTE L'INAUGURAZIONE DEL BAR MONTI , ALL'ISOLA DEL GIGLIO, IL 22 MARZO, CHE DA QUEST'ANNO HA LA GESTIONE DI MIO FIGLIO MATTEO.
MI SEMBRA UN ALTRO OTTIMO MOTIVO PER VENIRE A VISITARE IL GIGLIO....!

THANK TO MAURA, WHO SHOT THE PHOTOS,  ELABORATED THEM AND KINDLY GIVEN TO ME. THEY HAVE BEEN DONE DURING THE OPENING OF THE "BAR MONTI" IN GIGLIO ISLAND, ON MARCH 22, THAT SINCE THIS YEAR IS MANAGED BY MY SON MATTEO.
ISN'T IT ANOTHER GOOD REASON TO VISIT GIGLIO...?

Sunday, March 25, 2012

SHE IS THE SUNSHINE OF HIS EYES


JUST MARRIED AND WILLING TO MAKE A BETTER LIFE WITH BETTER COOKING, ELISE AND DANNY ARE ADORABLE. 


DANNY IS A MUSICIAN AND HE LOVED TO PLAY THE .... PASTA....


..... AND TO TAKE PICTURES OF IT.


THANK YOU FOR THE WISE CONVERSATION, DANNY & ELISE: I WISH YOU A WORLD OF LOVE!




Tuesday, March 20, 2012

UOVA DI CIOCCOLATO

.. PER CHI NON E' VENUTO QUESTA VOLTA.... SI REPLICA L'ANNO PROSSIMO. METTETELO IN AGENDA!


Monday, March 19, 2012

GRAZIE

.... a te Marinora. Grazie a tutte le persone che sono venute a GiglioCooking, a quelle che cucinano tutti i giorni, perché cucinare si deve; grazie a quelle persone che stanno attente al prezzo e alla qualità quando vanno al mercato, che vogliono nutrire i loro cari con serietà e che allo stesso hanno voglia ancora di divertirsi in cucina e a tavola. Grazie a tutte quelle persone che sanno che cucinare è fatica e dedizione, a tutte quelle che cucinano tutti i giorni, a casa o come professionisti in ristoranti e mense, a tutte quelle persone che hanno cura della pulizia degli strumenti e della salubrità dei cibi, che mettono in tavola tutti giorni, anche due volte al giorno, piatti diversi, facendo attenzione al portafoglio e al palato. Come fai tu Marinora, che condividi le tue superlative “ricette di casa”, economiche e saporose come il “millefoglie di alici e carciofi”. Grazie per gli scambi di battute in cucina, agli sbuffi di cioccolato sulla faccia, a cui anche Silvia non si è sottratta…. Grazie a tutte le persone che cucinano insieme e che cucinando diventano amiche. Grazie perché il buon cibo aiuta a vivere bene, nel corpo e nella mente ed è il patrimonio Italiano che tutto il mondo ci invidia: la nostra capacità del “convivio”, una delle ragioni, forse la principale, per cui questo Paese sta ancora galleggiando e per cui gli Italiani non sono ancora finiti nello sconforto totale. Perché aver mangiato bene aiuta a sorridere, oltre che a non avere problemi di digestione. Grazie a quelle persone che non hanno niente a che vedere con i TOP CHEF, MASTER CHEF, IDIOT CHEF dei programmi TV, che forse non hanno il piacere di cucinare se non davanti alla telecamera. Perché cucinare davvero non significa fare le gare, ma condividere. E non solo il cibo.

IL MOVIMENTO SI CORTICALIZZA

- .. .. ma.... ma come si fa a ricordarsi tutti questi piccoli gesti nella precisa sequenza...? -
- A me il cioccolato mette soggezione.-
- E' la pratica. Poi i movimenti vengono memorizzati quasi a nostra insaputa: il movimento si corticalizza. - 

Allora:


- bisogna inserire il beccuccio in fondo alla cavità


- poi si deve spingere in fondo e far uscire il beccuccio con un movimento secco.


Ah ah ah! CORTICALIZZAMOCI TUTTI!

Saturday, March 17, 2012

ONE SINGLE AMERICAN BOY WITH THREE PRETTY INDIAN GIRLS

.... LEARNED THAT YOU HAVE TO KEEP ONE HAND CLEAN WHEN YOU COOK - AS LISA'S MOTHER TAUGHT HER - , IN CASE TELEPHONE RINGS OR SOMEONE KNOCKS AT THE DOOR....

... AND HE FOLLOWED THE ADVICE, IT SEEEMS....


THIS IS WHAT THEY COOKED:

FOCACCIA

 RAVIOLI FILLED WITH ARTICHOKES

 LEMON CAKE

Ingredients for 6 people:
200 gr ( 7 oz) wheat flour
150 gr ( 5 oz) egg whites
100 gr ( 3 oz) sugar
50 ml ( 3 tbs) milk
75 gr ( 2 ½ oz) butter , melted
½  envelope backing powder ( 1 tea spoon)
Juice of ½  lemon
grated lemon zest

for the syrup:
200 gr ( 7 oz) sugar
200 ml ( 4/5 cup) lemon juice
100 ml ( 2/5 cup) water

For garnish :
300 gr ( 10 oz) strawberries + 6 large strawberries
150 gr ( 5 oz) sugar

powdered sugar
mint leaves

In a mixing bowl, mix together the flour, sugar, the grated lemon zest, its juice, the melted butter and the milk.
Separately whisk up the egg whites until they form peaks. Add the backing powder mixed with a little milk and fold in the whisked egg whites.
Grease and flour 6 individual ramekins. Pour in the batter and cook in a pre-heated oven at 180° for 20’.

Prepare a lemon syrup: boil 2 together the ingredients.  Remove from heat and filter.
Make some holes into the little cakes. Pour the lemon syrup upon them and let it absorb.

Cook the strawberries with the sugar until soft ( a few minutes). Blend and filter.

Remove the cakes from the ramekins, plate with some strawberry sauces. “Fan” the large strawberries and place on the side of each cake. Sprinkle with powdered sugar and serve.
 

Friday, March 16, 2012

HO AVUTO UN INCUBO

..una visione. Dapprima offuscata, poi in un istante rischiarata da un presagio che ha disegnato i contorni di ciò che sta succedendo e ciò che succederà.
Ci stanno schiavizzando. Ecco ciò che sta succedendo.

Non abbiamo esaurito la nostra fanta-sia con la fanta-scienza: abbiamo visto – non solo nell’immaginazione di poeti e scrittori – la perdita della libertà della conoscenza con il rogo dei libri; la perdita della libertà fisica negli allevamenti umani per nutrire alieni; la perdita dell’amore con scienziati che clonano gli esseri umani. Oggi la fantasia si sbizzarrisce con la fanta-politica, anzi, la fanta-economia. Certo la battuta con la Fanta è scontata: il gas, anche se non mortale,  c’è anche qui. 
Si tratta di un’economia parallela, ma molto più grande, dell’economia reale. Un’economia basata sul niente, contro un’economia basata sul lavoro e sul prodotto. Acquisiti di titoli, rivenduti a prezzo maggiorato, rivenduti ancora e rivenduti ancora, ogni volta a prezzo più alto. E cosa c’è a supportare quel denaro, quella crescita spropositata di valore che non vale niente? Niente. Banche che acquistano addirittura titoli di Stati, prestano cioè denaro che sanno non potrà essere restituito, non subito,  e che crescerà a dismisura, creando un debito eterno. E gli Stati dovranno risarcire le banche con decenni di tasse dei cittadini: noi, i nostri figli, i figli dei nostri figli, all’infinito. Ecco, al Dio Denaro mancava di essere eterno, ora lo è.
Sono ottimista: scriverò: vorrebbe esserlo.

Sì, perché, io che sono una cuoca, amo fare analogie delle cose della vita col cibo e questo denaro inesistente viene montato come si fa con le chiare d’uovo. Si monta, si monta, finché si ottiene una bella schiuma bianca e consistente e la si vuole montare ancora, per farne di più, per vedere dove si arriva. Finché le proteine dell’albume, per quanto forti ed elastiche, si logorano e poi si strappano e il Niente esce,  gli albumi si schiantano nella ciotola, ormai inutilizzabili se non per qualche ripieno, tanto per non buttarli.
Abbiamo già visto qualche segnale di logoramento dentro la ciotola: le dimissioni di qualche manager schifato dall’amoralità del posto di lavoro: banche d’affari, le chiamano,  che rovinano singoli, società, nazioni.
Fuori della ciotola abbiamo visto qualche segnale di sfinimento, dove il resto della cucina è in movimento per preparare il pasto, dove c’è l’economia reale: imprenditori suicidi, strozzati dalla pressione fiscale; lavoratori che non arrivano a fine mese; consumi ridotti all’osso, altre aziende che licenziano e chiudono perché non vendono i prodotti: un circolo vizioso, un cane che si morde la coda.
Abbiamo anche visto qualche segnale di ribellione: proteste in piazza, le mini-bombe ad Equitalia, che si permette di ipotecare le case di chi non riesce a pagare.

Ecco quello che sta succedendo: ci stanno schiavizzando. Da un bel po’, direi. Non lo fanno gli alieni ne’ scienziati pazzi: lo fanno i banchieri.

Ma dove sono finiti i soldi dell’economia reale? Dove sono finiti gli sforzi di un Paese come l’Italia, un Paese che ha TUTTO: suolo e sottosuolo, agricoltura, industria, turismo, arte.
Mangiati. Esportati all’Estero dopo essere stati rubati da centinaia di Lusi, anzi no, lusi, sta bene anche come sostantivo, o come aggettivo se preferite, e non solo come nome proprio. Centinaia di lusi, dicevo, che si sono succeduti in decenni di democrazia facendoci danzare “fuori dalla ciotola”: ci hanno lasciato protestare, scrivere sui giornali, gridare nei talk show, piangere in diretta. Ci hanno dato la libertà di parlare e si sono tenuti la libertà di FARE QUELLO CHE LI PARE, infischiandose della gente e dell’economia reale , quella dell’articolo UNO della Costituzione. Ci hanno preso anche in giro: sì sì, tu parla pure, c’è libertà di parola; mentre tu parli io ti derubo. E me ne faccio anche accorgere, tanto.. che succede? Tu dopo puoi parlarne…..

Le Grandi Banche, col benestare dei Governi, continuano a montare le chiare d’uovo, dentro la ciotola.
Fanno fallire società, imprese , Nazioni. Nazioni intere che rischiano la bancarotta.
Ma che succede se una Nazione va in bancarotta? Già, che succede? Che cazzo succede????? Prenderebbero  soldi dove non ce ne sono? Le Zecche smetterebbero di stampare banconote? Si tornerebbe al baratto?

E cosa fanno i Governi? Continuano ad osservare il lavoro dentro la ciotola, anzi, ogni tanto ci mettono un altro albume, che crescerà gonfiandosi di aria. L’albume, la proteina, che toglie ai cittadini, altrimenti la banca non sosterrà il debito dello Stato. Chiedono un prestito alle banche aumentando in misura fuori controllo, il debito contratto dalle centinaia di lusi, dalle centinaia di mafiosi, dalle centinaia di criminali comuni che hanno affollato e affollato gli scranni del potere. Sì, perché chi va in politica, non va a fare il bene della polis, della comunità, non va a prestare un servizio, va a godersi il potere, ad allearsi con manifatturieri d’armi, con banchieri, con petrolieri, con mafiosi.
I Governi? Continuano a rinforzare gli albumi che stanno montando. Neanche il prof Monti è riuscito – o non ha voluto – fermare la frusta elettrica. Ha avuto paura di veder smontare le chiare.

Si dice che non aveva scelta: il prof Monti doveva favorire le banche per non mandare in bancarotta l’intero Paese. Cosa è un mega-ricatto???

E che succederà quando le chiare d’uovo, logore dal troppo montare, si spezzeranno e collasseranno dentro la ciotola? Allora sì, io saprei cosa fare di quei burocrati stronzi figli di puttana. A lavorare, a calci in culo, tanti, prima tanti calci in culo e poi a fare della vera economia reale, nei campi agricoli , alla catena di montaggio, a fare la spesa e cucinare per la famiglia tutti i giorni. Ecco cosa farei fare loro. Calci in culo e al lavoro! Altro che starsene nella ciotola a veder montare le chiare d’uovo, a rovinare il soufflé.
Io sto qui e aspetto. Da cuoca, lo so che il soufflé si smonterà. Allora sì, che  li aspetto tutti in cucina……

Wednesday, March 14, 2012

PASTA WITH SEA BASS AND ZUCCHINI.....


... FOR THE ONE YEAR ANNIVERSARY OF ERICA AND JEREMY



 Erica & Jeremy caught while sprinkling joy around.....



THIS IS WHAT THEY MADE:

Tagliolini with sea bass, zucchini and pine nuts

Ingredienti for 4:

350 gr spaghetti, linguine or tagliolini of fresh pasta
1 fresh sea bass, 600 gr
2 small zucchini
1 scallion
1 garlic clove
1 tbs minced fresh parsley
30 gr pine nuts, slightly  toasted
extra virgin olive oil
white wine
salt


Clean the fish, fillet it, taking off all the bones. Cut it is thin strips.
Mince finely the scallion.
Mince finely the garlic.
Julienne the zucchini.
In a pan braise the minced scallion in a little olive oil, then cook the zucchini a few minutes. Salt.

In a large skillet, heat the minced garlic with olive oil, then add the strips of fish. Cook 1 minute; wet with a splash of wine and let evaporate. Salt. Add the cooked zucchini, the toasted pine nuts and half of the minced parsley.

Cook the pasta in plenty boiling salted water; drain it and toss into the skillet.

Serve with the remained parsley sprinkled on top.

 ....relaxed at the end of the lesson. HAPPY ANNIVERSARY, ERICA & "JER", AND HAPPY LIFE!!!

Tuesday, March 13, 2012

DANTE WAS HERE!

HERE HE IS DANTE! HE IS STIRRING POTS AND PANS OF THE FOOD COOKED BY THE STUDENTS OF THE CHAPLIN SCHOOL OF HOSPITALITY AND TOURISM  OF MIAMI, FLORIDA

Dante, stirring Chicken with Artichokes

Prof Rick with some students.....

....making Zuppa Inglese.

Again Dante, while stirs Ribollita.

Everybody around the stove
Chef Moran

And this beautiful girl is only 11 eyars old!!! (of course not the tall one with the stupid face....)

They made a "very" Florentine menu:
Ribollita
Chicken with artichokes
Zuppa Inglese

POLLO IN CARCIOFAIA
CHICKEN WITH ARTICHOKES
Ingredients for  4-6:
1 whole chicken, cut in pieces
Its liver and heart, cleaned and minced
400 gr ( 13 oz) canned tomatoes, diced and deseeded
100 gr ( 3 oz) un-smoked bacon (pancetta), diced
6 artichokes
4 spoons olive oil + 4
1 glass white wine
Salt and pepper


1 onion
1 garlic clove + 1
Some basil leaves
Salt and pepper
1 spoon vinegar
1 lemon
Meat stock

Chop one garlic and onion and saute' them in the olive oil, better in a terracotta pan, with the diced pancetta.
Add the chicken and roast it on high heat.
Then add the tomatoes, lower the heat and cook the stew slowly until the chicken is well done also inside and the tomatoes have reduced (about 15-20 minutes).
Season with salt and pepper
Pour in the wine and the vinegar and cook more 30-40 minutes.
5 minutes before the end of cooking, add the minced liver and heart.

In the meanwhile prepare the artichokes: take off the hardest leaves, cut them in quarter and soak in water and lemon juice to prevent they get dark. Saute' the artichoke wedges in 4 spoons olive oil, the basil leaves, one garlic clove, adding stock as necessary, for about 20 minutes.
After the long cooking, the chicken bones would come off easily. Take the flesh with all the sauce and put it in the artichokes pan.
Mix well, regulate the salt and pepper, add broth as necessary and serve hot.